Nemmeno le condizioni metereologiche avverse, incredibilmente avverse (neve, temperature abbondantemente sotto lo zero e vento gelido contrario) hanno fermato la spedizione dell’ Asd RunRivieraRun alla 21esima edizione della Verdi Marathon del 25 febbraio, classica di Salsomaggiore Terme, la cittadina in provincia di Parma conosciuta per le sue Terme ed il Concorso di Miss Italia.

Quattro gare (10 k, Mezza Maratona, 30 k, Maratona) e 10 Runners della società finalese che si sono distinti nonostante il vento siberiano: Pamela Sorace, nella 10 k, si è imposta nella sua categoria (SF35)con il suo record personale (47.40), Simone Delmonte e Daniele Augustoni nella 21,097 k hanno polverizzato i loro record (1.25.32 Simone e 1.35.30 Daniele), così come Serena Sali (1.50.23) e ottima gara per Francesco De Cocco (1.51.25) e Vincenzo Iannuzzi, alla sua prima mezzamaratona (1.53.14).

Ma è stata la Maratona che ha risentito, pesantemente, delle condizioni atmosferiche, penalizzando i tempi degli atleti, in eccesso, perlomeno di 10/11 minuti.

Al traguardo, Lo Chef che Corre, Beppe Squillace, che qui a Busseto( luogo di arrivo)nella scorsa edizione, aveva portato il suo primato a 2.52.33, ha chiuso in 3.00.58 e a seguire, appaiati, Paolo Desalvo e Davide Zunino (alla sua prima maratona) in 3.24.37

Luca Piccolo, impegnato nella Maratona, ha dovuto ritirarsi al 36esimo km.